top of page

Staglieno: una passeggiata nella storia

Ormai sappiamo che a Genova ci sono tantissimi luoghi, musei, palazzi e tanto altro da poter visitare. C’è però un posto in particolare, uno dei più belli ma a volte sottovalutato, che racchiude cultura, storia, arte e bellezza, raccontando diverse sfumature della nostra città: stiamo parlando del Cimitero Monumentale di Staglieno.


Staglieno: un museo a cielo aperto


Il cimitero si trova in Val Bisagno, a pochi passi dallo Stadio Lugi Ferraris, ed è uno dei più importanti cimiteri d’Europa. Il progetto iniziale risale al 1835 ad opera di Carlo Barabino, che purtroppo però venne a mancare proprio quell’anno, passando il lavoro finale a Giovanni Battista Resasco. Attualmente copre un’area di 330.000 metri quadrati ed ospita numerose opere nate dalle mani di vari scultori genovesi e non. 




Visite guidate nel Cimitero Monumentale di Staglieno.


Abbiamo visitato il Cimitero Monumentale di Staglieno tramite Explora, che ci ha accompagnato in una visita guidata tenuta da Lidia Schichter. Attraverso le strade silenziose del cimitero, circondati da statue di marmo bianco, Lidia ci ha raccontato la storia di alcune delle più famose tombe e ci ha svelato alcuni aneddoti sul luogo e sull’epoca in cui le opere presenti sono state realizzate. In particolare ci ha poi invitato a notare i numerosi simboli presenti in tutta l’area, rappresentanti concetti, come il tempo, i sentimenti, come l’amore, o a volte anche il ceto sociale o la religione di appartenenza. Un esempio? Spesso le statue raffigurano tra le varie cose anche una clessidra, simbolo del tempo che scorre inesorabile: spesso viene scolpita ai piedi delle figure protagoniste, un po’ nascosta. Sareste così bravi da individuarle? Un altro simbolo spesso utilizzato è la civetta, o il gufo, simbolo di protezione spirituale nell’aldilà.



Il realismo delle statue di Staglieno.


Le opere d’arte presenti nel cimitero ci raccontano non solo le epoche vissute nella nostra città e nella nostra regione, diventando praticamente un libro di storia scritto sulla pietra, ma sono anche esempio massimo della cura e dei dettagli che le famiglie genovesi richiedevano per ricordare i loro cari. Le statue e le tombe di famiglia, per lo più realizzate rigorosamente in marmo di Carrara bianco, era dotate di un realismo sbalorditivo, ricco di dettagli che lasciano spesso i visitatori increduli. Nonostante la polvere e il trascorrere del tempo abbiano in parte intaccato queste meraviglie, spesso viene quasi da pensare che le statue siano fatte di tessuto e materiali morbidi, invece che di marmo. Questo tipo di scultura riesce a dare vita e sentimento alle opere, grazie alla maestria dagli scultori: ricordiamo tra questi Santo Varni, Lorenzo Orengo, Augusto Rivalta, Giulio Monteverde, e Luigi Rovelli. 



Tombe e mausolei “famosi”.


Durante la nostra visita, Lidia ci ha raccontato storie riguardanti gli ospiti più famosi del Cimitero Monumentale di Staglieno, portandoci proprio davanti alle loro tombe. In particolare, abbiamo visitato il mausoleo di Giuseppe Mazzini, in stile neoclassico e scavato all’interno della roccia, riconoscibile dalle grosse colonne poste sul davanti: all’interno sono presenti diversi oggetti e riferimenti all’operato del famoso patriota e troviamo anche lapidi di marmo con iscrizioni dedicate ai personaggi mazziniani e repubblicani dell’epoca. Un altro personaggio storico che riposa a Staglieno, purtroppo spesso dimenticato, è Michele Novaro, compositore della musica del nostro inno nazionale, conosciuto quasi unicamente come “Inno di Mameli”, anche se quest’ultimo scrisse solo il testo. Una curiosità è che l’inno venne riprodotto per la prima volta proprio a Genova, nel 1847.

Ci sono ovviamente altre personalità di spicco ospiti nel cimitero, di cui ricordiamo ad esempio Fabrizio De Andrè, Gilberto Govi, Nino Bixio, Carlo Barabino, Emanuele Luzzati e Piero Villaggio.




Le visite guidate presso il Cimitero Monumentale di Staglieno con Explora Genova


Se siete interessati alle visite guidate nel cimitero tenute da Explora Genova, vi consigliamo di consultare il loro sito ufficiale e i loro canali social. Le visite sono organizzate in modo da trattare ogni volta un argomento diverso da approfondire. 

Se invece volete organizzare una visita autonoma, trovate tutte le informazioni e le mappe utili per la visita sul sito ufficiale del Cimitero.


Cimitero Monumentale di Staglieno

Piazzale Resasco 16137 Genova

Infopoint: +39 010 5576470

Portineria: + 39 010 5576400

Orario Cimitero

tutti i giorni 7.30 - 17.00

25 dicembre e Pasqua: 7.30 – 13.00

Chiusura nelle seguenti giornate:1° e 6 gennaio, lunedì dell'Angelo, 24 giugno, 15 agosto, 26 dicembre.

Quando tali festività coincidono con la domenica il cimitero è APERTO (7.30 - 16.30)

L'ingresso è consentito fino a mezz'ora prima dell’orario di chiusura previsto.

ATTENZIONE: in caso di allerta meteo il cimitero potrebbe essere chiuso. Vedi sito web smart.comune.genova.it



Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page