top of page

Il Teatro Carlo Felice di Genova

Aggiornamento: 4 mag

Il Teatro Carlo Felice di Genova è uno dei principali punti di riferimento per ogni genovese che si rispetti. Ma conoscete tutta la sua storia?


teatro Carlo Felice

Il progetto del Carlo Felice nasce nel 1825, quando l’architetto Carlo Barabino vince il concorso per la realizzazione di un nuovo teatro cittadino, fortemente voluto dal Re di Sardegna Carlo Felice di Savoia, in quanto Genova era fino a quel momento sprovvista di un teatro che potesse ospitare spettacoli di melodramma. Si decise quindi di nominare il teatro proprio come il sovrano del Regno di Sardegna e l’inaugurazione fu nell’aprile del 1828.


Durante la Seconda Guerra Mondiale il teatro fu purtroppo bombardato due volte e ne uscì parzialmente distrutto: si decise così in seguito di ricostruirlo completamente, attraverso delle nuove gare d’appalto. Il progetto finale vide però la luce solo alla fine degli anni 80 e il nuovo Carlo Felice viene inaugurato nell’ottobre del 1991.


teatro Carlo Felice di Genova

Il nuovo Teatro è stato pensato per essere più grande di quello di Carlo Barabino, praticamente il doppio: doveva infatti essere un teatro mobile e doveva prevedere la possibilità di avere quattro palchi da allestire contemporaneamente. Il meccanismo idraulico in dotazione permette infatti un cambio di scena in appena 20 minuti, eseguito durante l’intervallo o anche durante lo spettacolo, rendendo l’esperienza a teatro molto suggestiva. Inoltre, dietro al palcoscenico si può notare un enorme spazio molto inusuale per un teatro dell’opera cittadino. Questo tipo di tecnologia e di spazi vengono successivamente replicati da altri teatri proprio per la funzionalità, tra cui il Teatro della Scala a Milano.


Anche gli interni della sala spettatori sono davvero unici: il pubblico viene infatti immerso in una piazza cittadina, simulando un teatro all’aperto, con l’intenzione di restituirla simbolicamente alla città. Si possono quindi notare vicino al palco balconcini con i fiori e finestre aperte con luci soffuse che sembrano provenire da una qualunque casa genovese. Tutti i materiali, dal marmo delle colonne al legno del palco, fino alle mattonelle dei muri e alle poltroncine, sono tutti studiati per poter avere la stessa musica e le stesse voci sia vicino che lontano dal palco, senza ritardo del suono.


Oggi il Teatro Carlo Felice ospita opere liriche, balletti, musical e manifestazioni varie. Nell’ottobre del 2021 è stata inaugurata la statua dorata dedicata a Niccolò Paganini, il celebre violinista genovese, realizzata da Livio Scarpella: essa viene posizionata proprio di fronte all’ingresso del Teatro, lato via XXV Aprile.

Per arrivare al Teatro si può prendere la metropolitana genovese in direzione ponente o levante e scendere alla fermata De Ferrari oppure prendere una linea bus che porti in piazza De Ferrari (18, 20, 36, 14, 46…) . Oltre agli spettacoli, il Teatro organizza visite guidate periodicamente: tutte le informazioni le trovate sul sito ufficiale oppure sulla pagina Instagram dedicata.


teatro Carlo Felice di Genova

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page